Le Famiglie Arcobaleno al Gruppo Giovani di Arcigay Chieti

14915677_670969289743993_1839240408406971710_nIl 7 novembre 2016, nel contesto del Gruppo Giovani, Arcigay Chieti ha invitato la realtà delle Famiglie Arcobaleno abruzzesi in quello che è stato uno degli incontri più frequentati dell’anno.

Evidente era l’entusiasmo per il tema trattato, un tema, quello della famiglia, che spesso i membri della comunità LGBTI si trovano costretti a ridimensionare e, spesso, ad abbandonare, quasi fosse il prezzo da pagare dopo la gentile concessione di una società che a malapena concede la libera espressione della vita sentimentale e/o sessuale.

Gli ospiti si componevano di:

Yari, membro di una coppia che ha appena iniziato il percorso di Gestazione per Altri;
Angela, una mamma il cui percorso di fecondazione assistita con la compagna è stato completato con la loro bambina;
Alessandra e Giorgia, che hanno presentato il loro piccolo Andrea;

L’incontro è stato diviso in tre momenti funzionali durante i quali le coppie hanno potuto raccontare, passo dopo passo, come sia nato il desiderio di avere una famiglia prima, quale iter hanno seguito e quali sono tutte le possibilità per quella grande comunità che è quella arcobaleno poi, ed infine descrivere la situazione italiana attuale, quali le tutele, quali le mancanze e le prospettive future.
14937310_670969179744004_4249444765336912246_n
Difficile rendere in queste poche righe quello che in un’ora e mezza è successo in quella stanza.

Nell’aria era palpabile la possibilità di poter abbattere quei limiti che a volte sono solo nella nostra testa. Quei limiti che a volte ci fanno credere di essere soli contro il mondo. Ieri ci è stata data la possibilità di sentirci parte.

L’impatto maggiore forse è stato dato dalle aspettative. Uomini e donne eccezionali, grandi oratori, geni impenetrabili che, soli, hanno superato gli invalicabili ostacoli che concedono a pochi eletti il dono della famiglia. Invece, ciò che è stato presentato alla platea e ciò che presumibilmente più di tutto ha lasciato attoniti, è la normalità. La mediocrità. Ragazzi, ragazze, uomini, donne come te che leggi.

Lì a parlare potevano essere loro come chiunque altro dall’altra parte.

Chi scrive non può che chiedersi con chi si sia parlato, in effetti. Con famiglie omogenitoriali o con famiglie? I diritti che ora loro stanno chiedendo, appartengono solo a loro o alla comunità in toto?
15036328_670969349743987_1195165085521052312_n
Caro lettore, forse ora “famiglia” è una parola più complicata rispetto a ieri.

Se anche tu, ora, hai voglia di scoprirla, insieme, se anche tu ne hai il coraggio, se anche tu ne hai desiderio, ebbene, benvenuto in famiglia.

Altre foto sul post FB

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...